Bonacini non si accontenta: ”Il Carpi può dare di più”

Bonacini non si accontenta: ”Il Carpi può dare di più”

Risultati a parte, Stefano Bonacini non è ancora soddisfatto del suo Carpi: la classifica, i due successi consecutivi, ma il patron vede un potenziale maggiore

«Archiviato il 2-1 di Salerno potevamo starcene con la famiglia, oppure andare a mangiare il pesce al mare. Invece no, domenica pomeriggio ho convocato una riunione con lo staff al completo. Quattro ore, dalle 14,30 alle 18,30, per discutere della gara dell’Arechi. Abbiamo per un attimo accantonato il risultato, che resta importante, per analizzare la prestazione. Non sono infatti soddisfatto di come abbiamo giocato, nonostante i tre punti».

Non sono parole che solitamente seguono una importante vittoria. Stefano Bonacini sembra reduce da una pesante sconfitta contro la Salernitana, nonostante il tabellino inviti invece ad esultare per un rimarchevole successo 2-1. Sta di fatto che l’amministratore delegato non è comunque soddisfatto di quanto espresso dagli 11 di mister Calabro e sulle colonne della Gazzetta di Modena non si concede alcun freno: «Credo che questo gruppo porti in dote un grande potenziale, forse il migliore di tutte le squadre che abbiamo costruito in serie B. Ma allo stesso tempo non ha ancora acquisito la foga e la grinta che da sempre caratterizza il Carpi, manca l’ultimo passetto per completare questa crescita»

Non mancano i paragoni con la scorsa stagione, che in questo momento del campionato si ritrovava con meno punti rispetto all’era Calabro. Non è un paragone che l’Ad accetta volentieri: «E’ vero, sino a questo momento abbiamo fatto bene, ma il campionato di serie B è sempre un’incognita. Tutte le domeniche ci sono delle sorprese, guardate cosa ha fatto la Pro Vercelli in casa di una super Cremonese. Qui c’è da parlare poco e soprattutto da non badare a statistiche o a improbabili ruolini di marcia. Abbiamo fatto più punti dell’anno scorso? Non mi interessa. Del passato campionato, restando in tema, posso per esempio dire che ci siamo svegliati gli ultimi venti minuti della regular season. Se fossimo stati il vero Carpi prima, forse, avremmo potuto lottare per la promozione»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy