Carpi-Benevento: l’inutile polemica sullo Stadio

Carpi-Benevento: l’inutile polemica sullo Stadio

La polemica è nata e morta in pochi giorni: la richiesta del Sindaco di Benevento per disputare la finale di andata allo Stadio Braglia, con successivo rifiuto

La polemica, è nata, si è sviluppa ed è poi deceduta in poche ore: il via lo ha dato il Sindaco di Benevento, Clemente Mastella che, a sorpresa, ha fatto richiesta ufficiale alla Figc per il trasferimento della gara di andata della Finale dei playoff con il Carpi, al vicino Stadio Braglia di Modena

Per ragioni di ordine pubblico occorre aumentare la capienza del settore ospiti in occasione dell’incontro di calcio Carpi – Benevento valido per la finale dei playoff per la serie o, in alternativa, trasferire l’incontro nel più capiente stadio di Modena

Colto di sorpresa, il Sindaco carpigiano, Alberto Bellelli, ha subito replicato, trovando inadeguata suddetta richiesta, essendoci delle autorità preposte che già hanno stabilito da tempo l’adeguatezza dell’impianto emiliano:

Trovo curioso che un collega faccia riflessioni rispetto a materie che sono assolutamente prerogativa degli organismi preposti, tra i quali Prefettura e Questura, con regole ben definite. Lo stadio Cabassi è stato utilizzato da ottobre e per tutta la stagione, senza problemi di ordine pubblico grazie anche a dispositivi efficaci concordati tra Comune, Prefettura, Questura e Società. Non vi sono quindi a mio parere i presupposti per fare giocare altrove questa importante partita. Un evento che deve essere una festa del calcio e dello sport, due belle favole, quella del Carpi e del Benevento che si giocano l’accesso alla massima serie. Dobbiamo quindi evitare qualsiasi provocazione e strumentalizzazione e goderci le emozioni che ci potrà dare il campo. Invito infine il collega Mastella a venire domenica 4 giugno al ‘Cabassi”.

Infine, anche la Lega B, chiamata in causa, ha risposto al sindaco campano, evidenziando come lo Stadio Cabssi sia assolutamente a norma, secondo le regole stabilite dalla Lega stessa, in concerto con la Figc.

Risulta evidente che il tema dell’importanza della gara da un lato (una finale playoff per la conquista della Serie A) e della massiccia richiesta di biglietti provenienti dai tifosi ospiti (già presenti in gran numero al Curi di Perugia) rappresenti un elemento di riflessione, sia da parte delle autorità sportive che territoriali. E comprendiamo quindi la preoccupazione oggetto della missiva, ringraziandoLa per i toni e contenuti con cui si manifesta. Risulta noto che codesta Lega, come le consorelle di LNPA e Lega Pro, abbia fissato, attraverso il Sistema Licenze Nazionali della FIGC, i parametri (economico-finanziari, infrastrutturali e organizzativi) all’inizio di ogni stagione sportiva ed sia chiamata quindi a rispettarli e affermarli nel corso della stessa, a tutela del sistema e dei diritti dei singoli club associati. Tali parametri stabiliscono in 5.500 posti a sedere, di cui almeno il 10% a disposizione della tifoseria ospite, i requisiti relativi alla capienza degli impianti sportivi.

E lo stadio Cabassi di Carpi, iscritto come impianto di disputa della gare casalinghe della società biancorossa, li rispetta (Capienza 5.510 posti, con settore ospiti di 689 posti). Lo stesso stadio Cabassi, due anni or sono, fu l’impianto che vide la promozione in serie A della squadra carpigiana, avendo ospitato tutte le gare anche della s.s.2014/15 (addirittura con una capienza inferiore, pari a 4.500 posti, parametro imposto all’epoca dalla FIGC/LNPB). Al netto di ciò, che rimane la base di qualsiasi decisione, è utile informaLa che risulterebbe comunque non praticabile la presa in considerazione del vicino Stadio Braglia di Modena […] nel caso specifico non vi è allo stato e per quanto di competenza della Lega, la possibilità di uno spostamento della sede della gara di andata della finale.

Non solo, la Lega ha evidenziato anche le lacune dello Stadio modenese, ritenute insanabili nell’arco di soli 3 giorni. Lacune che hanno portato all’esclusione dello stesso impianto per le gare delle Final Eight del campionato primavera, che si sarebbero invece dovute disputare proprio allo Stadio Cabassi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy