Carpi, Calabro: ”Coraggio e gamba, non diamoci freni mentali”

Carpi, Calabro: ”Coraggio e gamba, non diamoci freni mentali”

Archiviata la sconfitta di Tim Cup contro il Torino, Antonio Calabro può tornare a concentrarsi sull’obiettivo principale di stagione del Carpi, il campionato

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

Archiviata la sconfitta di Tim Cup contro il Torino, Antonio Calabro può tornare a concentrarsi sull’obiettivo principale di stagione del Carpi, il campionato. Domattina i biancorossi partiranno presto per Avellino, ma con alcune defezioni: «Capela non ce la fa – ha esordito il tecnico – abbiamo qualche speranza per Ligi che aveva accusato un fastidio rivelatosi poi un affaticamento all’adduttore. Jelenic ha un infortunio antipatico ed è difficile intuire quando potrà effettivamente rientrare al 100%, mentre Yamga e Manconi sono più sul no che sul sì per alcuni problemi fisici dopo Torino. Bittante invece verrà in trasferta con noi, anche se il suo inserimento dovrà essere graduale, soprattutto per il ruolo che ricopre, molto dispendioso. Se avremo bisogno di lui anche solo per qualche minuto, lui comunque sarà a disposizione».

Parma, per cancellare Perugia, Avellino per dare continuità: «Sono molto felice del lavoro del mio staff tecnico e del preparatore atletico – ha continuato il mister – in queste ultime partite contro squadre importanti dovremo correre più degli altri per fare risultato. Ci serviranno coraggio e gamba, quelle che sono mancate a Perugia, non diamo freni mentali a questa squadra. Le partite si vincono con fatica ed organizzazione, ai ragazzi bastano pochi concetti chiari e semplici»

Il vestito del Carpi potrebbe cambiare ancora?: «E’ la cosa meno importante in una squadra, questa rosa ha un grande vantaggio che è quello di potere giocare con la difesa e tre o a quattro, ma, ripetendomi, confido sempre nell’atteggiamento che in campo è ciò che fa davvero la differenza».

L’avversario di turno, l’Avellino: «Ha qualità fisiche e tecniche, una fisionomia ben precisa ed un allenatore che è davvero esperto per questa categoria, forse anche per quella maggiore. Ora forse stanno un po’ calando, ma non dimentichiamoci di quello che hanno fatto fino alla gara contro la Salernitana. Avessero vinto sarebbero stati primi in classifica»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy