Carpi, Calabro: ”Non siamo ancora un gruppo di immortali, vogliamo diventarlo”

Carpi, Calabro: ”Non siamo ancora un gruppo di immortali, vogliamo diventarlo”

I primi tre punti della stagione, una vittoria avvincente ma anche sofferta. Mister Antonio Calabro ha analizzato il successo del suo Carpi allo Stadio Cabssi contro il Novara

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

I primi tre punti della stagione, una vittoria avvincente ma anche sofferta. Mister Antonio Calabro ha analizzato il successo del suo Carpi allo Stadio Cabssi contro il Novara: «Sono contento del risultato, della prestazione che hanno messo in campo i ragazzi. – le parole del tecnico biancorosso – Le nostre prestazioni passano sempre dalla sofferenza, non ho mai vinto una gara senza soffrire. Gli ultimi 10 minuti l’assenza di Jerry non ci permetteva di ribaltare l’azione, ma i ragazzi sono rimasti coesi. Sono contento per lo staff, per la società ed i ragazzi, questo è il premio per quanto fatto in settimana».

Malcore un debuttante in SerieB e nel Carpi non c’è solo lui: «Chi lo ha preso ci ha visto bene. Si riparte con un nuovo corso, con tanta gente che ha fame. Un gruppo che forse non è ancora immortale, ma lavoriamo duramente per farlo diventare tale. Oggi molte assenze ci hanno messo in difficoltà, non solo Concas con la febbre, anche Malick mi sarebbe servito con la sua prestanza fisica. Ma è normale che le assenze possano esserci, io faccio i complimenti ai giocatori che hanno interpretato al meglio questa partita. Tre punti in cascina, il percorso è lungo, non mi interessano troppo i complimenti. Mbakogu? Uno stiramento del collaterale, così mi ha detto, ma è ancora presto, aspettiamo gli accertamenti di domani».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy