Carpi, Calabro: ”Perugia ci ha segnato, col Parma per farci perdonare”

Carpi, Calabro: ”Perugia ci ha segnato, col Parma per farci perdonare”

Ripartire da zero e rimediare all’ultimo errore di stagione: cinque gol da dimenticare, Antonio Calabro deve ridisegnare il suo Carpi in vista del derby più delicato degli ultimi anni

L’interrogativo è quasi scontato. Gli ultimi cinque gol presi dal Carpi hanno risuonato come schiaffi sui volti di mister e giocatori, così ad Antonio Calabro abbiamo chiesto: come si riparte dopo una batosta che segnerà sicuramente la prima parte di campionato?: «Si riparte con rabbia, perchè la sconfitta per come è venuta non è piaciuta a nessuno, in primis ai ragazzi. – ha affermato il tecnico durante la conferenza di vigilia – Il triplice fischio di Perugia ha sancito la fine di una partita cominciata male e finita peggio, ma ci avvia anche alla partita seguente che noi abbiamo preparato nel migliore dei modi. Domani dovremo dare seguito con i fatti a quanto preparato in settimana».

Sul Parma: «Merita la vetta della classifica, ha fatto ottimi risultati ed ha conquistato la sua quadratura. Ha in campo gente abituata a vincere, esperta per queste situazioni. Al di là di questo la nostra settimana è stata particolare, molto delicata. Perugia ci ha segnato, ma siamo arrabbiati e abbiamo voglia di farci perdonare. Dopo la partita ci siamo diretti subito verso il settore ospite per scusarci».

Uomini a disposizione: «Oltre a Jelenic e Concas non convoco neanche Bittante. C’è il rientro di Sabbione e Mbakogu che sono disponibili. Valuteremo come utilizzarli. Jerry giocava con un fastidio muscolare da qualche tempo e si è deciso di farlo curare. Il rientro doveva essere con il Brescia in casa ma non era al massimo ed abbiamo preferito attenderlo al 100%»

Gagliolo e Di Gaudio consiglieranno i ducali sui punti deboli dei biancorossi: «Loro sulla sinistra hanno solidità in difesa con Gagliolo e pericolosità offensiva con Di Gaudio. Oltre a loro ci sono anche altri giocatori in quella squadra e sicuramente nessuno di loro sottovaluterà la nostra forza nonostante la sconfitta recente».

Mister, dopo Perugia si è sentito messo in discussione?: «Io per indole mia quando le cose vanno bene cerco di mettere in evidenza i giocatori e la società, mentre quando le cose vanno male ci metto sempre la faccia, ed ovviamente dopo Perugia mi sono messo in discussione. perchè le sconfitte non diventino un freno a mano ma uno stimolo per migliorare»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy