Carpi, Castori: “Undici finali. Nessun fatalismo, dobbiamo reagire”

Carpi, Castori: “Undici finali. Nessun fatalismo, dobbiamo reagire”

Le dichiarazioni dell’allenatore del Carpi Fabrizio Castori intervenuto alla vigilia dell’incontro dello Stadio Cabassi contro l’Ascoli.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
Carpi-castori-serie-b

Le dichiarazioni dell’allenatore del Carpi Fabrizio Castori intervenuto alla vigilia dell’incontro dello Stadio Cabassi contro l’Ascoli. «Mancano undici partite alla fine e per noi sono undici finali. Dobbiamo assolutamente uscire con un risultato domani, non ci siamo riusciti nell’ultima partita nonostante l’ottima prestazione ma contano i punti e non le prestazioni. E’ vero che le prestazioni aiutano a credere in quello che si fa, ma i punti aiutano la classifica». 

«Dobbiamo credere nelle cose positive che sappiamo fare, giocando secondo i nostri concetti, ai nostri ritmi. Non dobbiamo essere fatalisti, ma reagire con tutte le nostre forze, con la convinzione di essere in forma e di poter fare una partita ad altissimo livello. A caldo è normale essere dispiaciuti e abbattuti dopo una sconfitta come quella di Cosenza, ma non bisogna mai rimanere su quanto fatto, sia che si vinca che si perda. Analizzati gli errori, bisogna guardare avanti. Il Carpi ha caratteristiche diverse rispetto a quello di qualche anno fa. Questo è un Carpi diverso, che deve giocare un calcio diverso e adeguato ai calciatori che abbiamo oggi. Rispetto a Cosenza perdiamo per infortunio Pachonik ma recuperiamo Jelenic che rientra dalla squalifica». 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy