Carpi, Concas: ”L’obiettivo era la salvezza, dalla società nessuna pressione”

Carpi, Concas: ”L’obiettivo era la salvezza, dalla società nessuna pressione”

Una squadra rifondata, un campionato che ha registrato la salvezza, ma che poteva regalare qualcosa di più. Fabio Concas commenta il suo Carpi 2017/2018

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
Fabio Concas-Frosinone-Carpi-Serie B

Una squadra rifondata, un campionato che ha registrato la salvezza, ma che poteva regalare qualcosa di più. Fabio Concas commenta il suo Carpi 2017/2018: «Rifondando il gruppo con la partenza di tanti giocatori importanti, la salvezza è sempre stata il nostro obiettivo. – Ha dichiarato il numero 7 ospite su Tv Qui – La Società non ci ha messo grandi pressioni ma sempre e solo chiesto di fare il massimo come è sempre successo da quando sono qui io. Gli arrivi a gennaio di Melchiorri, Garritano e Di Chiara ci potevano far pensare a qualcosa di più ma l’obiettivo stagionale è stato centrato».

Vero, ma i playoff erano davvero ad un passo.. «Non eravamo una squadra che poteva sognare i play-off a inizio stagione, con tanti giovani ed esordienti in categoria. Abbiamo abituato la gente a fare sempre campionati di vertice, ma quando cambi tanto non è mai facile e secondo me è stato fatto qualcosa di importante. Il mister ha fatto un ottimo lavoro, ci ha fatto sempre sentire tutti importanti».

L’assenza di Mbakogu ha influenzato il finale di stagione?: «Sicuramente Jerry è un giocatore fondamentale per il nostro modo di giocare e l’ha dimostrato in questi anni. Tiene impegnata mezza difesa da solo, ma sarebbe un alibi attaccarsi alla sua assenza. Melchiorri ha fatto benissimo, con anche Jerry avremmo avuto qualche possibilità di fare di più»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy