Carpi da poker, ma non segnano gli attaccanti

Carpi da poker, ma non segnano gli attaccanti

Contro il Milan arrivò il primo goal di Mancosu con la maglia del Carpi: ora i biancorossi faticano a finalizzare con gli attaccanti. Stasera sarà Jerry a sbancare San Siro?

Carpi-Genoa 4-1: Stefano Sabelli

SEGNANO TUTTI – ma proprio tutti. Nel Carpi formato Serie A, non importa che trova la via del goal, l’importante è mettere la palla in rete ed aiutare la squadra a vincere. La filosofia del mister Fabrizio Castori prevede un calcio operaio, senza individualità. Curioso però che a segnare nella gara contro il Genoa, siano stati tutti tranne gli attaccanti. E di goal ne abbiamo visti a volontà, ben 4. Eppure Jerry Mbakogu si è “limitato” a fornire l’assit per la sforbiciata vincente di Di Gaudio oltre a giocare una partita molto fisica, dove la sua stazza l’ha fatta da padrone.

IL CAPOCANNONIERE – Neanche il subentrato Kevin Lasagna riesce a mettere la firma dell’attacco sul tabellino finale (sfiorando la rete un paio di volte). Proprio Kevin potrebbe vedersi soffiare il titolo di capocannoniere del Carpi dai compagni Lollo e Di Gaudio, ora fermi a quota 3 reti in campionato. La filosofia operaia di Castori, l’attacco non segna, ma non ce n’è bisogno:  “Il nostro attaccante viene sempre accompagnato da tutta la squadra – diceva il mister al termine della gara – ed infatti siamo andati in goal con molti giocatori“. Dopo un 4-1 non ci si può lamentare. Ed ora come finirà a San Siro?

(Articolo tratto dal settimanale “Notizie”, oggi in edicola)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy