Carpi di rimonta: Gagliolo e Sabbione piegano l’Ascoli

Carpi di rimonta: Gagliolo e Sabbione piegano l’Ascoli

La gara è vivace e subito in salita per il Carpi: il gol di Cacia è solo la rete della bandiera per l’Ascoli che perde 2-1 sotto i colpi di Gagliolo e Sabbione

CACIA E GAGLIOLO – Gara in sostanziale equilibrio al Del Duca di Ascoli: i padroni di casa inaugurano il match con un sinistro di Orsolini che si alza però sopra la traversa, senza spaventare i biancorossi. Risponde il Carpi con un destro di Fedato e successivamente il tiro di prima intenzione di Letizia che a porta quasi sguarnita, riesce però a centrare la traversa. Dopo un tiro di Fabrizio Poli (unico ammonito del primo tempo), anche l’Ascoli si ferma sul legno alto, colpito da Mengoni di testa da calcio d’angolo. La partita è vivace, ed il gol sembra essere questione di pochi minuti: detto fatto, ci pensa la squadra di Aglietti a spezzare l’equilibrio, con una azione magistrale di Favilli che serve in area Cacia. L’attaccante con un colpo sotto supera Belec per l’1-0. Il Carpi però non ci sta e si affida al duo Mbakogu-Lasagna per ritrovare il meritato pareggio. Non sono però i numeri 10 e 15 ad aggiustare la gara, bensì il numero 6 Riccardo Gagliolo: il difensore viene servito da Raffaele Bianco e dal limite dell’area lascia partire una conclusione di destro debole ma precisa e chiude la prima frazione sull’1-1.

PAURA BIANCO, SABBIONE INVENTA – Parte ancora meglio il Carpi nella ripresa. Si inizia con un tiro di Francesco Fedato, bravo ad inserirsi in area, meno nella conclusione che vede il pallone superare la traversa. Nel cambio campo è molto bravo Belec a chiudere lo specchio della porta ad Orsolini. Le emozioni del gioco devono purtroppo lasciare spazio a quelle meno felici dell’infermeria che accoglie l’infortunato Raffaele Bianco. Il centrocampista viene colpito duro in campo ed è costretto ad uscire in barella con il ghiaccio alla testa. Alessio Sabbione subentra al capitano.

Il gioco torna a prendersi lo scettro di protagonista, con il portiere sloveno Vid Belec che si supera al 69esimo impedendo il tap in vincente all’Ascolano Favilli. La gara prende una nuova strada quando al 82esimo viene espulso per doppia ammonizione Almici, dopo un duro fallo su Concas, subentrato a Fedato. Il Carpi ci crede e anticipa il gol vittoria con una clamorosa traversa di Lorenzo Lollo. Difatti, nel finale è Sabbione a regalare il trionfo ai biancorossi con un tiro dai 30 metri che non lascia scampo a Lanni. Il terzo gol non sarebbe male, ma Concas e Mbakogu sprecano davanti al portiere e dopo il recupero Ascoli-Carpi finisce 1-2.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy