Carpi-Frosinone, gara mai scontata: rosso Sabbione, gioiello Mbakogu, è 1-1

Carpi-Frosinone, gara mai scontata: rosso Sabbione, gioiello Mbakogu, è 1-1

Il gioco non eccelle, i nervi sono altissimi: Carpi-Frosinone non è mai prevedibile ed ancora una volta i biancorossi fermano i ciociari in inferiorità numerica

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

GARA NOIOSA, NERVI TESI, POI LA FOLLIA DI SABBIONE – Non c’è molto da raccontare nei primi minuti della sfida tra Carpi e Frosinone: i biancorossi, in campo con una formazione decimata dagli infortuni, tentano di ammorbidire l’offensiva ciociara che difatti non si rende quasi mai pericoloso nell’area di Colombi. Un colpo di testa all’indietro di Brighenti è l’unico tiro degno di nota della prima frazione, a cui aggiungiamo l’uscita di Terranova al 17esimo per infortunio – al suo posto Krajnc – e quella di Malcore al 38esimo che lascia il posto a Vitturini. Cambio  obbligato per Antonio Calabro che nel mezzo ha dovuto assistere alla follia di Alessio Sabbione, caduto nel tranello di Federico Dionisi: nel recuperare la sfera per una rimessa laterale, il numero quattro alza il gomito sul volto dell’attaccante laziale, davanti alla panchina di casa ed a pochi passi dall’arbitro Abbattista. Il cartellino estratto dallo stesso è ovviamente il rosso. Gara ovviamente nervosissima, le squadra si portano all’intervallo sullo 0-0, ma il Carpi dovrà giocare la ripresa in 10 uomini.

Carpi Frosinone Verna Maiello
Luca Verna in un duello con Raffaele Maiello

Nervi fin troppo tesi, la gara è condizionata dagli animi in campo, sicuramente focosi: il Carpi deve resistere per una intera frazione in inferiorità numerica e alla lunga si fa sentire. prima Colombi respinge con il pugno la conclusione di Ciofani al 55esimo, poi lo stesso attaccante è invece bravo a superare l’estremo difensore con un tiro di destro dall’interno dell’area piccola. Al 57esimo il traversone viene respinto debolmente da pachonik che ti testa schiaccia a terra. Ciofani deve solo imprimere la giusta forza alla sfera per portare in vantaggio il Frosinone. Un’eccessiva copertura non è più necessaria, così Calabro decide di dare spazio e minuti e Nzola che entra al posto di Saric. In seguito, anche Belloni subentra al posto di Calapai. La scelta paga, il Carpi finge una resa mai ostentata e all’82esimo combina l’impensabile: la ripartenza porta la coppia d’attacco biancorossa in area ciociara, Nzola è bravo ad appoggiare per Mbakogu che con un tiro a giro trova l’angolo alto alla sinistra di Bardi. E’ il gol dell’1-1. Gara del tutto imprevedibile, il Carpi nel recupero rischi anche di ribaltare il risultato, con il destro di Verna che è però troppo debole per impensierire il portiere ospite. Sono quattro i minuti di recupero, ma il pareggio resiste fino al triplice fischio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy