Carpi, fulmine Di Gaudio: 40 secondi per battere lo Spezia

Carpi, fulmine Di Gaudio: 40 secondi per battere lo Spezia

Una rete del rientrante Totò Di Gaudio fulmina il Cabassi dopo soli quaranta secondi di gioco: è la rete decisiva per il Carpi che guadagna così tre punti preziosi

Carpi Antonio Di Gaudio

ECCO DI GAUDIO – Castori sorprende con l’undici iniziale del Cabassi. Contro lo Spezia decide di inserire dal primo minuto Totò Di Gaudio, recuperato in settimana. Scelta che ripaga subito l’allenatore, istantaneamente. Il numero 11 dopo appena quaranta secondi riceve il pallone sulla sinistra da Jerry Mbakogu e con il destro supera Chichizola con la sfera che si insacca sotto la traversa. E’ un primo tempo vivace e divertente, con lo Spezia che si affida a Granoche in attacco e si rende pericoloso soprattutto sulle palle inattive, gestite in maniera distratta dai biancorossi. Mbakogu e Lasagna non dialogano benissimo e si mangiano un paio di occasioni. Nell’ambito disciplinare segnaliamo l’ammonizione per Aljaz Struna che dopo tre strike riceve il cartellino giallo dall’arbitro pinzani. Era diffidato, salterà Latina-Carpi.

ERRORE LASAGNA, NIENTE RADDOPPIO – Comincia esattamente come il primo tempo la ripresa del Cabassi: se nella prima frazione è stato Di Gaudio a rompere l’equilibrio, nel secondo tempo è Jelenic ad andarci davvero vicino. L’ex Livorno riceve all’interno dell’area per quello che è un rigore in movimento con il portiere fuori dai pali. Il pallone viene però intercettato dalla difesa che salva lo Spezia dal raddoppio casalingo. Lo Spezia si rende pericolosissimo poco dopo con l’intervento di testa di Valentini che trova la potenza giusta, così come l’altezza, mancando però lo specchio della porta. Castori decide sul finale di coprirsi e con gli ingressi di Sabbione e Fedato passa ala 5-3-2. Modulo che favorisce la formazione ospite anche se l’occasionissima è quella di Lasagna dopo il 70esimo: da solo davanti a Chichizola si fa anticipare dall’estremo difensore innescando le lamentele del pubblico biancorosso che voleva la sicurezza del raddoppio. Successivamente è Belec a salvare sul colpo ravvicinato di Granoche, ultima opportunità del tempo regolamentare che si prolunga con i quattro minuti di recupero e termina sull’1-0.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy