Carpi-Novara: Malcore per i 3 punti e il Cabassi si spegne

Carpi-Novara: Malcore per i 3 punti e il Cabassi si spegne

Tre punti sudatissimi quelli della prima giornata di Campionato: il Carpi supera di misura il Novara grazie alla rete di Malcore. Buio al Cabassi, lo stadio si spegne nel finale di gara

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

MALCORE TOP PLAYER – Il numero 9 del Carpi è davvero forte se finora ne abbiamo avuto solo alcuni – bellissimi – indizi, alla prima di Serie B ci arriva la certezza. Il giovane ex Manfredonia non ci mette molto a farsi notare, esattamente 180 secondi, quando con un tiro di potenza e precisione dai 25 – facciamo 27 – metri fa partire la conclusione vincente che si insacca sotto la traversa alla destra di Montipò (ex Carpi). I biancorossi piacciono, giocano bene e davanti danno la sensazione di poter fare male da un momento all’altro. Concretezza e spettacolo, con le conclusioni di Sabbione e Saber che si alzano di poco sopra il montante alto, ed i numeri di Alessio e Mbakogu, il primo con uno stop a seguire di tacco, il secondo con un aggancio in area che dagli spalti sembrava impossibile. Non troppi elogi, dietro si notano anche degli errori, soprattutto di imprecisione, ma su cui il Novara non riesce a mettere il piede. Al quarantesimo l’azione più pericolosa degli ospiti che arrivano in area grazie al traversone di Di Mariano dalla destra e si avvicinano al gol, negato da una prodezza di Simone Colombi. Sono quattro i minuti di recupero, ma il tabellino non cambia.

RITMI BLANDI, PALO DI JELENIC –  Tanta fatica per il Carpi nella seconda frazione di gioco: il Novara riparte ultra offensivo e mette in difficoltà la difesa biancorossa che con Bittante – entrato al posto di un infortunato Mbakogu – si posiziona su una linea di cinque uomini. Senza idee, gli uomini di Antonio Calabro si rendono pericolosi in occasione del palo colpito da Enej Jelenic, abile nel combinare al limite dell’area con pasciuti e concludere sul legno alla sinistra di Montipò. Dopo è quasi solo il Novara a tentare l’affondo, spaventando la curva di casa con un diagonale di Da Cruz che si spegne sul fono alla destra di Colombi. Non solo la conclusione del piemontese, allo Stadio Cabassi si spengono anche le luci dell’impianto, lasciando i 1521 spettatori al buio.

Dopo qualche minuto la gara riprende così come si era fermata. Carpi in difficoltà ed il recupero sarà di quattro minuti. Tensione alle stelle in campo, gli emiliani si aggrappano alle parate di Simone Colombi contro un Novara arrembante guidati da un Da Cruz indiavolato. Il tempo non basta, il Carpi regge e si guadagna i primi 3 punti della stagione.

 

Recupera Password

accettazione privacy