Carpi, Pasciuti “Non segnavo di testa dai tempi della Biellese”

Carpi, Pasciuti “Non segnavo di testa dai tempi della Biellese”

Ospite a TvQui, Lorenzo Pasciuti fa il punto della sua carriera nel Carpi e della situazione della squadra: “Con il Palermo vogliamo i 3 punti”

di Redazione CCN, @CarpiCalcioNews
Inter Carpi 1-1 Lorenzo Pasciuti Mauro Icardi

Dispiace per l’espulsione, ma a San Siro abbiamo ottenuto un punto incredibile“: le parole di Lorenzo Pasciuti ospite durante Sport Qui-Speciale Serie A. Di seguito le dichiarazioni del recordman biancorosso:

Il pareggio con l’Inter: “Una grande partita contro l’Inter. Potevamo anche andare in vantaggio con il goal di Mbakogu e con il rigore negato, ma per come si era messa il pareggio è un risultato che ci va benissimo”.

L’espulsione: “Il primo giallo l’ho preso dopo il loro goal. Noi eravamo pronti a ripartire dal centro ma loro tardavano a schierarsi, così ho protestato e l’arbitro mi ha ammonito. Il secondo è stato per un fallo su Miranda. Ho provato ad anticiparlo con la punta, ma lui è stato bravo. Mi dispiace, soprattutto perchè sabato abbiamo una delle partite più importanti della stagione. Ne approfitterò per riposarmi per le gare seguenti”.

Rimpianti in Coppa?: “Forse un po’ per il secondo tempo, in cui con il Milan siamo tornati in partita e potevamo trovare il pareggio. Ma è stato incredibile anche solo arrivare ai quarti di finale. Giocare in Coppa ti toglie energie, ma non importa. Sono tutte partite che sognavo di giocare fin da bambino”.

Verso il Palermo: “Il Palermo è una buona squadra. Noi abbiamo bisogno di punti e con loro vogliamo il bottino pieno così da avvicinarli a 3 punti in classifica. Eravamo penultimi ed ora vogliamo metterci alle spalle un’altra squadra. La stiamo preparando come sempre. E’ una partita importante, ma non ci vuole troppa ansia o tensione”.

Il record di goal nel Carpi: “Non ci penso molto, ma se riguardo al passato devo dire che è una cosa straordinaria. Il primo goal in Serie D al Castelfranco è forse il più bello, mentre quello al Cabassi al Bologna quello più importante. Invece, non segnavo di testa dai tempi della Biellese, quindi quello contro l’Udinese è stato il primo aereo con il Carpi”.

Momenti difficili?: “I periodi difficili ci sono stati e quest’anno più lungo che in precedenza. Ma ho aspettato il mio momento ed ora sono contento di averlo fatto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy