Carpi, Scala sul mercato: ”Nessun acquisto forzato, giocatori funzionali. Siamo soddisfatti”

Carpi, Scala sul mercato: ”Nessun acquisto forzato, giocatori funzionali. Siamo soddisfatti”

Chiuso il mercato, il Carpi non ha nemmeno dovuto attendere gli ultimi minuti, chiudendo intorno alle 21 l’ultima operazione in entrata

Chiuso il mercato, il Carpi non ha nemmeno dovuto attendere gli ultimi minuti, chiudendo intorno alle 21 l’ultima operazione in entrata. Il direttore generale Matteo Scala, ieri all’Hotel Melià di Milano, ha fatto oggi il punto della situazione in merito alle manovre biancorosse che oltre ad importanti acquisti, ha formalizzato anche alcune cessioni: «Siamo soddisfatti, per una società piccola come la nostra è un mercato molto difficile e non era facile incastrare tutto – le parole del dirigente – era un mese che sostenevo che o saremmo riusciti a prendere quei giocatori che possono alzare il livello o saremmo rimasti così. Primo per non intasare la rosa e poi per rispetto di chi fin qui ha dato tutto per fare i 32 punti che abbiamo. Crediamo di aver fatto un buon lavoro prendendo giocatori funzionali ma poi sarà il campo a dare un giudizio».

Garritano e Di Chiara per il finale: «Garritano era un’operazione impostata da tempo che si è sbloccata quando il Chievo ha ha preso quello che gli serviva, Di Chiara invece l’abbiamo iniziato a trattare un paio di settimane fa e grazie anche al suo procuratore Rispoli per la disponibilità l’abbiamo chiuso con i tempi che imponeva la trattativa. Entrambi hanno dimostrato grande disponibilità, hanno firmato contenti di venire a Carpi e questo è fondamentale».

Oltre a loro anche il dispiacere per il mancato arrivo di Machach dal Napoli: «Poteva farci fare un ulteriore salto di qualità, è un campione, alla fine non si è chiuso ma siamo sereni e contenti così. Ripeto: prendere tanto per prendere non l’abbiamo voluto fare, e in mezzo al campo abbiamo tanti giocatori bravi»

Infine capitolo Mbakogu, già accostato agli inglesi del Leeds per giugno: «La società inglese si è comportata correttamente, sono venuti a vedere il giocatore e ci hanno chiesto la priorità per una trattativa a giugno quando Jerry avrà nel frattempo completato l’iter per il passaporto comunitario. Se a giugno ci saranno le condizioni, saranno i primi a sedersi al tavolo con noi secondo un gentleman agreement che abbiamo raggiunto. Mbakogu ci ha dato e ci dà tantissimo, è un giocatore straordinario che spesso ha sacrificato anche il suo modo di giocare per la causa della squadra, se avrà l’opportunità di crescere noi gli daremo una mano»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy