Castori ”Verona forte, ma il Carpi si esalta in certe occasioni”

Castori ”Verona forte, ma il Carpi si esalta in certe occasioni”

La gara più difficile dell’anno attende il Carpi allo Stadio Cabassi: ospite dei biancorossi sarà il Verona, squadra già sconfitta da Castori la scorsa stagione

Lo squadrone che doveva abbattere il campionato sta ora vivendo un momento di difficoltà, contestata anche dai tifosi nonostante l’ultima vittoria sull’Entella. Allora il Carpi può veramente crederci e consegnare a Fabrizio Castori un bellissimo regalo anticipato di Natale: «E’ una squadra oggettivamente molto forte, lo dicono i numeri. Noi sappiamo di avere una partita difficile da affrontare, contro la prima in classifica. Le partite vanno però giocate tutte e noi ci metteremo le nostre armi che sono le solite. Le festività ci tolgono sempre qualcosa a livello di concentrazione, per questo ci siamo isolati con il ritiro anche dopo la vittoria a Salerno – ha dichiarato Castori, che non pensa minimamente alla stessa gara della scorsa annata – Questa è un’altra partita ed un’altra stagione, faremo affidamento sulle nostre qualità. Sappiamo di poterci esaltare in queste occasioni»

Sui convocati per domani: «Sono venti perchè abbiamo anche Montipò e Mezzoni, un ragazzo che sta facendo molto bene ed abbiamo ottime aspettative su di lui. Nel suo ruolo siamo anche scoperti, poi se uno è buono per giocare può avere anche sedici anni. Struna e poli sono recuperati, anche se Fabrizio potrebbe non avere una disponibilità completa»;

Pasciuti?: «Una perdita grave, per il suo valore come giocatore e come ragazzo, all’interno dello spogliatoio e non solo è un simbolo per noi. Queste cose purtroppo succedono, siamo dispiaciuti e gli siamo vicini. Faremo uno sforzo maggiore per non fare pesare la sua assenza. Colombi si è fatto male a Trapani, Belec sta bene, quindi non ci sono gerarchie o altro. Qui chi si allena e sta bene gioca»;

Ora c’è anche Concas, sarà lui l’esterno destro?: «Concas può giocare esterno o dietro la punta, in questo momento con l’assenza di Pasciuti è facile che l’esterno lo faccia lui. Sabbione? Non sono riuscito a sentire cosa abbia detto all’arbitro ero a cinquanta-sessanta metri di distanza».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy