Colombi: ”Con la negatività non si migliora. 100 presenze? Ormai sono carpigiano”

Colombi: ”Con la negatività non si migliora. 100 presenze? Ormai sono carpigiano”

Con la festa per il traguardo delle cento presenze in biancorosso, tocca a Simone Colombi introdurci al prossimo match del Carpi. Sabato allo Stadio Cabassi arriva il Verona.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

Con la festa per il traguardo delle cento presenze in biancorosso, tocca a Simone Colombi introdurci al prossimo match del Carpi. Sabato allo Stadio Cabassi arriva il Verona. «Le mie 100 presenze col Carpi? È un motivo d’orgoglio, sono contento di festeggiarle perchè è un traguardo importante, anche se sono dispiaciuto siano arrivate in una sconfitta. Non sapevo di essere il sesto portiere ad arrivare a cento presenze col Carpi e che l’ultimo ci era arrivato 27 anni fa, nell’anno in cui io sono nato. Non pensavo di fare cento presenze a Carpi quando sono arrivato nel gennaio 2014, ma ormai io e la mia famiglia ci sentiamo carpigiani, mia figlia è nata qui».

«A Cittadella abbiamo concesso gol facili, cosa già accaduta altre volte e che non possiamo permetterci. Regalando gol così è più difficile poi riprendere le partite. La nostra mentalità è quella di vincere ogni partita, come volevamo fare anche a Cittadella, ma è fondamentale muovere sempre la classifica e per questo non dobbiamo incassare gol evitabili. Serve comunque avere ottimismo e restare positivi perchè con la negatività non ci si salva, con la consapevolezza che c’è da lavorare e migliorare»;

L’avversario: «Sarà una partita difficile, il Verona è una squadra molto forte, anche se non viene da un gran momento ed è stato contestato dopo l’ultimo pareggio in casa contro il Cosenza. Sappiamo che ci sarà da soffrire e essere bravi a mettere in evidenza i loro difetti quando ne avremo l’opportunità».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy