Finale amaro: il Carpi inciampa al 93° ad Avellino

Finale amaro: il Carpi inciampa al 93° ad Avellino

Dopo il rigore respinto da Vid Belec nei primi secondi di gara, Avellino e Carpi non esaltano nel gioco e il risultato si sblocca solo al 93esimo: purtroppo non a favore dei biancorossi

BELEC VS ARDEMAGNI – Inizio fulminante allo Stadio Partenio-Adriano Lombardi: l’arbitro inaugura il suo pomeriggio di Serie B con la massima punizione. Dopo soli 120 secondi Mbaye commette un fallo da rigore in area e consegna ad Ardemagni il pallone del possibile vantaggio. Dagli undici metri l’attaccante si fa però ipnotizzare da Vid Belec che indovina l’angolo e mantiene l’equilibrio sul tabellino. E’ l’unica vera occasione del primo tempo che vede dopo un’opportunità sprecata da Jerry Mbakogu il cui tiro al volo dopo la combinazione con Lasagna, viene respinto da Radunovic. Gara che quindi si spegne, abile nel fornire qualche fiammata da ambo le parti, senza creare veri sussulti.

BEFFA FINALE – Concas per Bifulco, e Bidaoui per Gonzalez: sono i due cambi che aprono la ripresa di Avellino-Carpi. Dopo un primo tempo non troppo esaltante, la seconda frazione sembra rallentare ulteriormente con poche, pochissime occasioni insidiose create dalle due formazioni. Al 71esimo è Struna ad immolarsi sulla corsia e mettere in mezzo all’area un pallone basso su cui non arriva per un soffio Giacomo Beretta, subentrato in precedenza ad Mbakogu. Il match sembra orientato verso un triste 0-0, quando il finale cambia clamorosamente sugli sviluppi di un calcio d’angolo maturato nei minuti di recupero. Perrotta supera Vid Belec e fa sognare i campani che, fin qui, hanno fermato Frosinone, Spal e Verona. Ora anche il Carpi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy