Garritano: ”Voglio essere protagonista, il Carpi si è guadagnato grande credibilità”

Garritano: ”Voglio essere protagonista, il Carpi si è guadagnato grande credibilità”

Un gradino più in basso per essere di nuovo protagonista: Luca Garritano ha scelto Carpi per rilanciarsi dopo un’ottima esperienza con il Chievo nel massimo campionato

Un gradino più in basso per essere di nuovo protagonista: Luca Garritano ha scelto Carpi per rilanciarsi dopo un’ottima esperienza con il Chievo nel massimo campionato che tuttavia non lo ha visto tra i punti fermi dell’allenatore. Già 70 minuti con la maglia biancorossa, Luca non ha avuto difficoltà ad integrarsi in squadra: «Un bel gruppo, una bella squadra che mira allo stesso obiettivo. – Le dichiarazioni in conferenza –  Una società dove si lavora bene, i risultati recenti lo dimostrano. In Serie B è una società importante. Io sono un giocatore che si adatta molto, portato al sacrificio. In un modulo a quattro posso fare l’esterno, a tre posso fare la mezzala o la seconda punta. Il mister lo sa e farà buon uso delle mie qualità».

Un giocatore duttile, per un Carpi che mira a raggiungere nuovi traguardi: «Negli ultimi tre anni ha fatto un anno di Serie A e ha partecipato ad una finale playoff. Il Carpi ha guadagnato la sua credibilità mettendo in mostra i suoi valori di grande importanza. Spero di giocare ed essere protagonista. Io in A ho avuto una bella esperienza, ma ho voglia di giocare con continuità e sentirmi parte di un gruppo. Sono motivato e concentrato, voglio dare tutto me stesso qui. La trattativa? Si è svolta nell’ultima settimana, io avevo una situazione particolare al Chievo e quindi ho scelto di venire qui. Sapevo dell’ambiente, quello che avrei trovato, non ho esitato un secondo nella scelta. E’ secondo me la soluzione migliore»

La meta della stagione e le parole dell’ex Direttore biancorosso, Giancarlo Romairone, oggi al Chievo Verona: «L’obiettivo è quello dei 50 punti, ma è vero che la Serie B è imprevedibile e noi siamo una squadra fastidiosa che ti porta a sudare tanto per batterci. Da qui a 6 mesi gli obiettivi possono cambiare, ma ora come ora abbiamo i 50 punti in testa. Se a Verona ho sentito Romairone? Certo, mi ha spiegato quale ambiente avrei trovato e sono contento della scelta fatta. Il direttore mi ha messo a mio agio e le sue parole sono ovviamente state di stima per la società e la squadra»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy