Gianni Rivera “Il Carpi ha lasciato un bel messaggio al nostro calcio”

Gianni Rivera “Il Carpi ha lasciato un bel messaggio al nostro calcio”

Gianni Rivera parla del calcio italiano: “Carpi e Sassuolo hanno dimostrato la necessità di favorire i settori giovanili”

Un tempo grandissimo calciatore, con un passato nell’Alessandria ed uno ancora più vincente nel Milan, Gianni Rivera è oggi a Carpi per la presentazione della sua autobiografia “Gianni Rivera, autobiografia di un campione“. Il pallone d’oro 1969 ha anche parlato del calcio attuale, evidenziando le differenze con il suo mondo del pallone ai tempi delle vittorie in rossonero:

Il calcio di oggi ed il calcio di ieri: «Oggi il calcio diverte meno del passato. Mentre qualche anno avevamo alcune delle squadre più forti al mondo, oggi le nostre formazioni non sono più in grado di contrastare le forze delle altre squadre europee che riescono ad attirare i giocatori nelle proprie file. In Italia non vengono più giocatori di grandi livello».

Il Carpi ha dato una dimostrazione di forza: «Avendo lavorato poco sui settori giovanili, si continua a cercare la soluzione dello straniero che però in Italia non ci vuole più venire. Bisogna tornare a sostenere i settori giovanili. In fondo i messaggi delle squadre professionistiche come il Carpi, il Sassuolo, ma anche il Chievo e Frosinone si riferiscono proprio a questo. Sembrava che non potessero mai arrivare in Serie A, ed hanno invece dimostrato che puntando sui giovani si può raggiungere la massima serie».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy