Il Carpi resuscita: Catellani e Lasagna stendono il Cittadella

Il Carpi resuscita: Catellani e Lasagna stendono il Cittadella

Lo stadio Cabassi torna ad esultare grazie alle reti di Kevin Lasagna e Andrea Catellani: il Carpi supera 2-0 il super Cittadella

ECCO LE DUE PUNTE – Il campionato è cominciato con opposte ambizioni tra Carpi e Cittadella: i primi per la risalita, i secondi per la salvezza. Eppure la classifica attuale racconta qualcosa di diverso, con i veneti lassù dove nessuno immaginava ed il Carpi non molto più in basso a fare i conti con un periodo nero. La gara è di marca biancorossa almeno nei primi minuti, con un super Catellani ammonito al 1′ per una simulazione in area di rigore (possibile che un attaccante simuli dopo pochissimi secondi dal fischio d’inizio?). Cartellino giallo anche per Pasa, arbitro senza dubbio fiscale. Direzione a parte, i padroni di casa aprono le danze all’8° con un tiro di destro da centro area di Andrea Catellani, ed è subito 1-0. Cittadella per nulla arrendevole, anzi forse più pericoloso. Momento di gioco difficile per il Carpi chiuso nella propria metà campo, e spaventato da un paio di occasioni importanti degli ospiti. Ma è proprio da in questa situazione che i biancorossi trovano il modo di raddoppiare. Palla sulla destra, azione combinata Pasciuti-Struna che porta al cross dello sloveno per la testa di Kevin Lasgana: 2-0 al 28esimo. C’è tempo anche per altre ammonizioni (Romagnoli, Pedrelli, Pasciuti, Schenetti), con l’ultima molto discussa per fallo da (riteniamo) ultimo uomo. Schenetti atterra Di Gaudio avviato verso il portiere Alfonso.

RESURREZIONE – Nessun cambio nella ripresa, ed il Carpi resta gestore della gara. Di Gaudio è immarcabile ed il Cittadella soffre molto anche la rapidità di Lasagna. Fabrizio Castori vuole il goal di chiusura, ma davanti i biancorossi calano di precisione ed infatti è il palo a impedire a Totò di siglare il 3-0. Pallone sul secondo legno e sfera che rotola sulla linea di porta fino ad essere bloccata dall’estremo difensore Alfonso. Le squadre cominciano a risentire della fatiche ed entrambi gli allenatori operano i primi cambi: nel Carpi Blanchard prende il posto di Catellani. Emiliani ordinati in difesa, ma davanti peccano di corsa e precisione. Nel finale spazio a Bifulco che prende il posto di uno sfinito Kevin Lasagna, e Gianmario Comi al posto di Totò Di Gaudio. Gara che non ha più niente da dire, 2-0 per il Carpi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy