Lasagna fa sperare, ma il finale è ancora amaro: Carpi-Roma 1-3

Lasagna fa sperare, ma il finale è ancora amaro: Carpi-Roma 1-3

Dopo il vantaggio di Digne (a segno anche all’andata), Lasagna trova un meritato pareggio. Poi Dzeko e Salah chiudono i conti

Carpi Roma 1-3

GIOCA IL CARPI EH?!

«Gioca il Carpi eh!» E’ il commento di un giornalista romano vicino alla nostra postazione che sintetizza al meglio il primo tempo di Carpi-Roma: nonostante l’indiscussa qualità dei giallorossi, il Carpi difende come forse non ha mai fatto finora, in maniera ordinata e senza lasciare agli ospiti nemmeno la sensazione di potere fare goal. Il trio arretrato compie al meglio il suo dovere, aiutato anche dagli esterni di centrocampo e da alcuni lampi difensivi di Mbakogu. Impeccabile anche Vid Belec che si conferma una sicurezza per i compagni di squadra. L’attenzione cala (come prevedibile) nel finale di primo tempo, quando aumentano invece i falli a centrocampo e la Roma coglie una traversa con Salah. Peccato solo per i pochi guizzi in attacco da parte dei padroni di casa che potevano dare al Carpi un vantaggio (tutto sommato) meritato.

Carpi Roma 1-3
Carpi Roma 1-3

TIRA TIRA!

«Tira tira!» Sono le urla di Luciano Spalletti dalla zona tecnica che guida i suoi uomini alla ricerca del vantaggio. E’ una Roma molto più intraprendente quella della ripresa, consapevole del pericolo che incombe in casa del Carpi. Tutto pare essere però come nel primo tempo, tranne in quel momento, al 56esimo, quando quel “tira tira!” di Spalletti convince Digne a cercare la porta, trovando Belec impreparato. Forse coperto da un compagno, Vid non raggiunge il pallone e la Roma si porta sull’1-0. Non ci sta il Carpi. La partita non premia il suo gioco e allora a Castori servono 5 minuti (giusto il tempo di sostituire Mancosu per Lasagna) per riportare tutto in parità: Mbakogu ci mette il fisico e ruba un pallone in zona d’attacco e si immola verso la porta. Il suo passaggio in mezzo all’area è oro per Lasagna che supera Szczesny per l’1-1. Torna serenità nell’ambiente emiliano e le speranze di vittoria vengono alimentate dalla prova di Mbakogu, esaltato dal pareggio. Purtroppo, il Carpi conferma di avere difficoltà di gestione nei minuti finali, così la Roma si riprende il gioco. Prima Dzeko e poi Salah firmano l’1-3 finale, troppo cattivo nei confronti di un Carpi più che dignitoso.

LEGGI CRONACA E TABELLINO DI CARPI-ROMA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy