L’intervista: Bonacini “Non parlo di arbitri, ma certi episodi..”

L’intervista: Bonacini “Non parlo di arbitri, ma certi episodi..”

Stefano Bonacini non accetta l’arbitrato con l’Inter e accenna al mercato biancorosso: rifiutate due offerte importanti da squadre straniere

di Redazione CCN, @CarpiCalcioNews
Stefano Bonacini

Il patron biancorosso Stefano Bonacini è stato intercettato dalla redazione del Resto del Carlino. Nell’intervista l’amministratore ha parlato del suo Carpi e della partita di San Siro contro l’Inter:

Cosa si porta da San Siro?: “Sarò sincero.. da San Siro esco con più rammarico che soddisfazione. Non voglio essere presuntuoso, e dire che il Carpi meritava di vincere. Però visti certi episodi.. le immagini si commentano da sole. Cerco di evitare di parlare degli arbitri. Non l’ho fatto l’anno scorso quando a Brescia ci hanno dato contro due rigori inesistenti e due espulsioni, quindi non lo farò neanche ora. Quello che più mi amareggia è che certi quotidiani nazionali hanno addirittura scritto che l’Inter è stata danneggiata dall’arbitro”.

Però il Carpi le è piaciuto: “Mi è piaciuto l’atteggiamento, sono orgoglioso di quello che hanno fatto i ragazzi. (E su Lasagna), sono molto felice per lui, oltre ad essere un patrimonio per la società è anche un ragazzo d’oro. Non abbiamo mai pensato di darlo in prestito nonostante le tante proposte in estate ed attuali. Lui e altri della vecchia guardia non si muovono. Abbiamo rifiutato due offerte importanti da squadre straniere per alcuni di loro”.

8 punti nelle ultime 4 gare. Una svolta?: “Non lo so, abbiamo cambiato strada e questa era l’unica possibile. Me ne sono preso la responsabilità e per ora sta dando i suoi frutti. Ma non abbiamo ancora fatto nulla. Siamo ancora a -5 dalla salvezza, le altre corrono ancora più di noi”.

Ultima settimana di mercato, ci saranno ulteriori arrivi?: “Di sicuro la squadra è incompleta. Poi non so se arriveranno 2 o 7 giocatori. Romairone sta facendo un lavoro eccellente ed i nuovi acquisti sono tutti giocatori che condividono la nostra mentalità. Siamo vigili, ma il problema è che si fa fatica a comprare un giocatore di metà classifica in Serie B, figuriamoci in Serie A.. “

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy