Tocca a Piscitella: “Qui per imparare, Carpi come punto di partenza”

Tocca a Piscitella: “Qui per imparare, Carpi come punto di partenza”

Ecco le prime parole in biancorosso di Giammario Piscitella, intervenuto oggi in occasione della sua presentazione ai tifosi del Carpi.

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
piscitella-carpi-serie-b

Ecco le prime parole in biancorosso di Giammario Piscitella, intervenuto oggi in occasione della sua presentazione ai tifosi del Carpi. «Ho avuto un percorso inverso rispetto a quello dei giovani calciatori. Sono partito subito dall’alto e mi sono trovato in una dimensione più grande di me. – ha esordito Giammario riferendosi agli inizi di carriera con la Roma – Non ero pronto mentalmente a gestire le pressioni che quell’ambiente mi metteva, ho fatto qualche esperienza in A, in B e sono sceso fino alla C. Poi arriva il momento in cui maturi, analizzi gli errori che hai fatto e riparti da zero: per me questo è un punto di partenza ma essere qui»;

«La mia carriera è iniziata a 18 anni con la Roma, poi sono stato al Genoa, qualche esperienza in B e poi la C. Mi ha completato la nascita delle mie bambine, la presenza di mia moglie mi ha inquadrato e la mia famiglia è stata la svolta di una mia ripartenza»;

Sull’idea di venire a Carpi: «Non ho nemmeno chiesto se ci fossero altre possibilità oltre al Carpi, ho preso subito al volo l’occasione di tornare in B. Sono contento di essere qui e voglio che questa sia la mia famiglia, che mi aiuti a crescere e imparare ancora cose nuove»;

Che tipo di giocatore è Piscitella?: «Come caratteristiche sono un esterno di sinistra ma ho fatto anche il quinto di destra e il terzino, l’anno scorso a Prato c’era bisogno di sacrificio e mi adatto volentieri anche a fare altri ruoli, ho imparato cose nuove».

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy