Carpi, tornano a segnare gli attaccanti

Carpi, tornano a segnare gli attaccanti

Nel nostro editoriale: l’attacco del Carpi faticava, ora i goal arrivano anche dalle punte

Attacco Carpi

Nuovamente 2-1, il punteggio di Firenze è uno dei più comuni per il Carpi in Serie A. I biancorossi non riescono a segnare più di due goal, un dato questo, che ovviamente si scontra con la difficoltà enorme di esordire in un massimo campionato. D’altronde i punti vittoria sono 3 sia che si faccia quattro reti, sia che se ne faccia una. Dove sta la novità? La novità sta negli autori delle reti emiliane. Finalmente iniziano a segnare gli attaccanti, quelli che per natura devono avere il fiuto per il gol. Le ultime uscite della squadra hanno portato le firme di Mbakogu, Mancosu e Lasagna. Due le reti di questi ultimi, che sono stati in grado di segnare a San Siro rispettivamente a Milan e Inter. Un fattore fondamentale, soprattutto se consideriamo che dopo l’addio di Borriello e Matos il capocannoniere della squadra è Lorenzo Lollo. Un centrocampista a volte una falsa seconda punta alle spalle di Jerry.

C’è poco da fare, il Carpi ha la seconda peggior difesa del campionato e per rimediarvi serve buttare il pallone alle spalle del portiere avversario. No, ovviamente non ci lamentiamo se Lollo decidesse di mettere la palla in rete, la vittoria ha la priorità. Ma se a segnare è chi deve farlo, allora tutto diventa più semplice. Quindi se pensiamo al mercato di gennaio, al mercato di riparazione, forse la migliore mossa è stata proprio la rivitalizzazione di due alfieri come Kevin e Jerry, con la nuova pedina Mancosu pronta a fare danni sulla scacchiera.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy