I postumi del Lunedì / Inter-Carpi

I postumi del Lunedì / Inter-Carpi

Nella discoteca di San Siro tutti flirtano con il pallone, ma il Carpi fa sfiguare i padroni di casa

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
Inter Carpi 1-1

Quasi come una sbronza: la partita di ieri pomeriggio tra Inter e Carpi ritorna a farsi sentire il giorno dopo, con tifosi interisti e carpigiani intenti ad assorbire i postumi di una giornata dai sintomi agli antipodi. I primi sono entrati nel locale da padroni, in quel San Siro che per loro ormai regala emozioni abitudinarie e per certi versi scontate. I secondi hanno varcato l’ingresso della discoteca milanese con fare umile e forse pronti a sopportare una serata da comparse, o comunque per nulla da protagonisti. L’evolversi dell’evento cambia il prevedibile assetto iniziale, così non è solo l’Inter a provarci con la più gnocca del locale, la palla, ma nel flirtare con il pallone si alternano momenti dell’una e dell’altra squadra.

Le abilità e la mancanza di paura dell’Inter le consentono di essere la prima a farsi avanti e a conquistarsi l’attenzione della sfera, senza però ottenere nulla di più. Il Carpi, appollaiato per tutta la sera in un angolo con il cocktail in mano, decide di farsi avanti all’ultimo minuto, quando ormai le musiche sono sfumate e la gente abbandona il locale. Nemmeno i biancorossi centrano l’obiettivo e la posta in gioco si divide equamente. Infatti, restando nella metafora della discoteca, è come se il soggetto al centro del corteggiamento avesse deciso di lasciare un biglietto ad entrambi i contendenti. La differenza però è abissale ed il Carpi ha qualcosa in più per festeggiare. Perché se all’Inter ha lasciato il numero di telefono, al Carpi ha dato direttamente l’indirizzo di casa.

Inter Carpi 1-1
Inter Carpi la rete di Palacio
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy