ESCLUSIVA CCN: Fontana “Il destino del Verona si decide domenica”

ESCLUSIVA CCN: Fontana “Il destino del Verona si decide domenica”

Il direttore di Hellas1903.it ed autore di un libro che richiama la carriera del mister Bagnoli, ha parlato in esclusiva a Carpi Calcio News dell’incontro Verona Carpi e della corsa salvezza

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
Matteo Fontana - direttore Hellas1903.it

In anteprima all’incontro tra Verona e Carpi, gara chiave per la corsa alla salvezza, abbiamo intervistato il direttore di Hellas1903.it, Matteo Fontana, nonchè autore del libro “Il miracoliere Osvaldo Bagnoli: l’allenatore operaio” pubblicato recentemente. Ecco cosa ne pensa Matteo dell’imminente incontro tra Verona e Carpi e sulla rincorsa alla salvezza:

Si avvicina lo scontro tra Verona e Carpi, entrambe con un risultato positivo alle spalle. In caso di sconfitta il Verona sarebbe perduto?: «Visti i numeri della classifica, senza dubbio sì. Già ora c’è un distacco difficile da recuperare su chi sta davanti. Una sconfitta cancellerebbe qualsiasi speranza per il Verona».

La squadra ha cambiato atteggiamento nelle ultime uscite: merito del cambio di allenatore?: «L’arrivo di Gigi Delneri ha ridato ordine a una squadra che si era smarrita. Il rientro dei tanti infortunati della prima parte della stagione ha permesso di allargare il campo delle scelte. Il nuovo tecnico ha comunque trasmesso uno spirito diverso. Non sufficiente, ancora, per riagganciarsi al treno di chi precede il Verona, ma è indubbio che la qualità complessiva sia cresciuta».

Cosa deve temere il Verona del Carpi ed il Carpi del Verona?: «Il Carpi ha grande solidità, perde poco e, seppure non conti su una cifra qualitativa particolarmente rilevante, fa della tenacia una caratteristica evidente: è difficile da superare. Il Verona è temibile perché in casa si trasforma, spesso e volentieri, e ha alcuni giocatori che possono sempre trovare la giocata fuori dagli schemi: Toni, Pazzini, lo stesso Siligardi».

Si sentono voci sulla “volontà” del presidente del Verona di retrocedere per incassare il paracadute dei diritti televisivi… cosa ne pensi?: «Partiamo da un presupposto: certamente, e con ragione, Maurizio Setti, una volta delineata la nuova distribuzione dei diritti tv in caso di B, il cosiddetto “paracadute”, ha avuto un buon motivo per essere soddisfatto. Un eventuale jackpot di 40 milioni in due anni è un inedito per il calcio italiano. Ma nessuno vuole perdere la categoria ed è ridicolo che si ipotizzi una “volontà” scientifica di scendere. La cadetteria rappresenta sempre un danno per chi va giù. Altrimenti, più che “paracadute”, si dovrebbe parlare di “astronave”…».

Frosinone, Carpi e Verona: di queste tre se ne salverà solo una? O è probabile uno scivolone di Atalanta o Udinese?: «In questo momento ci sono squadre in forte crisi. Il Palermo su tutte, ma ovviamente Atalanta e Udinese sono in calo, per non dire in fase di crollo. Frosinone e Carpi sembrano in risalita sul piano del morale, e questo vale molto. Per il Verona tutto passa dalla prossima partita, se l’Hellas pensa di poter continuare ad  alimentare delle speranze. Il calendario e gli scontri diretti saranno più chiari a cavallo della pausa di Pasqua».

Per le news sul Verona potete visitare Hellas1903.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy