Carpi, Bonacini su Verdi: ”Decidemmo di non riscattarlo, la retrocessione fu decisiva”

Carpi, Bonacini su Verdi: ”Decidemmo di non riscattarlo, la retrocessione fu decisiva”

Il giocatore del Bologna sta facendo faville con la maglia rossoblu: Simone Verdi ora vale almeno 20 milioni ed il Carpi avrebbe potuto tenerlo con un riscatto di 1,5

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli

Il giocatore del Bologna sta facendo faville con la maglia rossoblu: Simone Verdi ora vale almeno 20 milioni ed il Carpi avrebbe potuto tenerlo con un riscatto di 1,5. Il patron biancorosso, Stefano Bonacini, ha ammesso di avere forse sbagliato nel non trattenerlo, dovendo però anche fare i conti con una retrocessione ed il contratto del giocatore, economicamente importante: «Lui è arrivato qui che non era in forma e subito si è stirato nell’esordio di Bologna. – le sue parole negli studi di Tv Qui – Il Milan ce lo avrebbe ”regalato” per 1,5 milioni (oggi ne vale 20 ndr) che era il nostro diritto di riscatto. Essendo retrocessi non abbiamo pensato di esercitare il riscatto e forse abbiamo anche sbagliato in questo, ma come noi anche il Milan, guidato da Galliani all’epoca, uno che ha fatto la storia del calcio italiano, decise di non puntare sul giocatore. Simone ha poi avuto la fortuna di giocare nel Bologna ed anche grazie a loro ha raggiunto la sua qualità attuale. Purtroppo con la retrocessione abbiamo deciso di non esercitare l’opzione a nostro favore ed il suo contratto era economicamente importante. Se sarebbe rimasto con noi in Serie B? Sì, sarebbe restato».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy