Dal Comune: l’Assessore Tosi spiega la convenzione Cabassi

Dal Comune: l’Assessore Tosi spiega la convenzione Cabassi

Durante la seduta del Consiglio Comunale è avvenuto un botta e risposta sulla convenzione che lega il Carpi Calcio ed il comune al Cabassi

di Simone Giovanelli, @SimoGiovanelli
Stadio Cabassi - Carpi

L’apertura della seduta del Consiglio comunale di Carpi di giovedì 30 giugno è stata dedicata alla risposta che l’assessore ai Lavori pubblici Simone Tosi ha dato ad una interrogazione presentata dal gruppo Carpi Futura sullo stadio Cabassi e sull’area circostante:

Tosi sul Cabassi: «Sul “riportare” a casa il Carpi per giocare la prossima stagione di serie B e se dovesse riconfermare la medesima categoria anche per la stagione successiva. Questo è stato possibile attraverso un “accordo” tra le parti che vede un contributo di 575mila euro diviso in due annualità, contributo che viene sottratto dall’ammontare già stabilito dalla Convenzione cioè i 623mila euro che mancano alla conclusione della stessa. Questo permetterà di poter iniziare i lavori presso lo stadio per consentire alla prima squadra di poter giocare a Carpi. Gli interventi previsti sono di diversa natura: i principali sono quelli per la realizzazione di una nuova curva, l’adeguamento del campo da gioco ed altre piccole cose, interventi indispensabili per quanto ci ha comunicato la società per ottenere la deroga per poter disputare le partite casalinghe a Carpi».

Su ciò che accadrà dopo il 2018: «Quello che succederà dopo il 2018 dipenderà innanzitutto dalla categoria in cui il Carpi giocherà, in secondo luogo dalla evoluzione normativa e regolamentare che nei prossimi anni Lega Calcio e FIGC dovessero assumere. Per questo motivo si è stabilito a partire dalla stagione sportiva 2017/2018 di attivare un tavolo tecnico tra noi ed il Carpi FC 1909 per valutare gli eventuali interventi da mettere in campo».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy